SIT della Soprintendenza BAP di Venezia e Laguna

Soluzione Web Gis, basata su GisClient, per la gestione dei vincoli architettonici e paesaggistici da parte della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna.

Il problema

La tutela del Patrimonio culturale italiano trova fondamento normativo nei disposti del D.Lgs. 42 del 22 gennaio 2004 Codice per i Beni Culturali e del Paesaggio (come modificato ed integrato dai D.Lgs. 156 e 157 del 24 marzo 2006). Questo definisce i vincoli, cioè i limiti e gli obblighi giuridici cui viene sottoposto ogni singolo bene da tutelare.
La Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna è l'ente che ha il compito di ricevere, tracciare, conservare, aggiornare e certificare i vincoli architettonici e paesaggistici dei nove comuni che si affacciano sulla laguna veneziana.
I problemi che deve quotidianamente affrontare sono:

  • la difficoltà nel reperimento dei dati in fase di accertamento e certificazione a causa della varietà e densità dei vincoli, che, soprattutto in aree come quelle del centro storico di Venezia, tendono a coprire un'alta percentuale del territorio e spesso a sovrapporsi fra loro;
  • disomogeneità dei documenti ricevuti in diversi formati e supporti da diverse fonti;
  • la conservazione dei documenti di vincolo in sezioni d'archivio separate;
  • la pubblicità degli atti in quanto ente pubblico.

La soluzione open source

Innanzi tutto la soluzione proposta è stata studiata per essere compatibile con le soluzioni precedentemente adottate dalla Soprintendenza stessa: essendo stato scelto per la gestione dei contenuti del sito il programma open source Plone, è stata utilizzata l'apposita estensione Plomino (sempre open source) capace di gestire un database ad oggetti.
Per le interazioni cartografiche è stato scelta l'applicazione web GisClient per la modalità di visualizzazione e modifica.
L'utilizzo di soluzioni open source ha permesso di abbattere i costi di produzione, evitando l'acquisto di licenze.

L'Ufficio vincoli della Soprintendenza ha sempre tenuto aggiornati i cataloghi cartacei costituiti dall'insieme delle schede dei vincoli, in ognuna delle quali sono trascritte le informazioni più importanti riguardanti il singolo vincolo e i riferimenti necessari a rintracciarne le fonti e i documenti collegati.
La soluzione realizzata affronta quindi le problematiche discusse partendo proprio da questo elemento base: la scheda.
La riproduzione della scheda in versione digitale è stata lo spunto per un lavoro critico che ha permesso di modellare il lavoro sui casi che di volta in volta si presentavano; il risultato finale è stato quello di collegare tutti i dati di ogni tipo ad un unico oggetto: oltre alle informazioni di base, qualunque tipo di file e soprattutto il collegamento ad un'area geometrica riportata in cartografia.

 

Screenshot della cartografia di Venezia

 

La cartografia collegata, visibile sia come stralcio all'interno delle schede, sia come carta completa dell'area di competenza, permette un'analisi interattiva di tutti i vincoli in relazione l'uno all'altro e il confronto con diverse carte di base (Carta Tecnica Regionale, ortofoto, mappa catastale, mappa dei civici, ecc.).

Si è studiato e realizzato a parte anche un sistema di posizionamento dei file direttamente in cartografia, utile a coordinare il lavoro di consultazione e riordino delle schede catalografiche predisposte dall'Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione (ICCD) delle aree di Venezia e Laguna e compilate in fasi diverse con criteri diversi.
La struttura non omogenea del materiale ha reso impraticabile la realizzazione di un database, ma l'utilizzo delle coordinate geografiche ha permesso di individuare un criterio comune per la navigazione del materiale.

I dati, disponibili su web, sono così stati pubblicati come richiesto dalle leggi sulla trasparenza degli atti amministrativi; dove necessario, alcuni dati sono stati resi consultabili solo dal personale accreditato.

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

Funzionalità

  • Possibilità di disegnare e modificare un'area di vincolo  direttamente in cartografia.
  • Ricerca di schede attraverso appositi moduli che interrogano gli  elementi testuali.
  • Ricerca in cartografia di vincoli e consultazione della scheda  collegata
  • Inserimento/modifica di nuove schede di vincolo.

Link

Le schede di vincolo e la cartografia completa sono liberamente consultabili al seguente indirizzo: venezia.gis.beniculturali.it